Il Digital Marketing nel 2015. Trend e prospettive - Blog - Marketing digitale | ConsulTeam Promo Lab - Strategie per il tuo business

Vai ai contenuti

Menu principale:

Il Digital Marketing nel 2015. Trend e prospettive

Pubblicato da in Digital Marketing ·
Tags: digitalmarketingadvonline

Il settore del marketing digitale sta vivendo una grande trasformazione ed è sempre più, direttamente e indissolubilmente, legato ai dati. I dati sono ovunque e danno ai marketers informazioni preziose circa gli interessi del pubblico, le intenzioni e i desideri dei consumatori e le ricerche effettuate durante la navigazione in rete.

Mentre il ricorso al mobile continua ad aumentare e, parallelamente, cresce anche la pianificazione media, i consumatori si aspettano una online experience sempre più coinvolgente e divertente.

Non possiamo, dunque, non dare uno sguardo alle tendenze che probabilmente saranno top of mind nel 2015.

I Big Data continueranno ad avere un grande peso
Le aziende sono sedute su enormi quantità di dati relativi alle vendite, al comportamento d’acquisto, alle attività di ricerca, alle interazioni online e a tanto altro ancora.
Tuttavia, la disponibilità dei dati da sola non basta. Occorre sapere come utilizzarli e come interpretarli: il singolo dato, preso isolatamente, può dare una visione molto distorta del Cliente. Solo attraverso un sistema integrato capace di collegare i singoli dati ed analizzarne l’andamento lungo le dimensioni della storicizzazione, è possibile avere grandi intuizioni su ciò che i Clienti stanno cercando, dove lo stanno cercando e quale sarà il loro prossimo passo.

Il mondo dei Big Data dà ai marketers un quadro completo e preciso del profilo del Cliente, che informa (o dovrebbe informare) le strategie di ascolto, l’ottimizzazione delle campagne media e le stategie creative.
In futuro, i Big Data potranno solo crescere sempre più e diventare fonti integrate di informazioni.

La parola d’ordine è integrazione
All'interno del mondo dei Big Data è necessario porre l’attenzione sulla provenienza dei dati e giungere ad una giusta combinazione dei dati interni con quelli provenienti da terze parti. I brand potranno utilizzare la tecnica del retargeting partendo dalla loro customers based e dai comportamenti d’acquisto ed integrando questi dati con quelli relativi alle tendenze e i trend provenienti dal web.

Integrare i dati socio-demografici con la geolocalizzazione e le informazioni relative alle ricerche effettuate sul web migliorerà la capacità dell’azienda di attirare i Clienti in più fasi del Consumer Funnel, consentendo di ottimizzare la strategia retargeting sia per l’acquisizione di nuovi Clienti che per la retention.

L’integrazione deve crescere
Le agenzie di marketing e i media buying dovranno adottare dei sistemi automatizzati. Il tradizionale flusso degli ordini sarà sostituito da sistemi che, senza soluzione di continuità, comunichino tra loro per ridurre la duplicazione del lavoro e migliorare la tracciabilità delle attività, la misurabilità e l'efficienza.

La tendenza più interessante da osservare è rappresentata dal momento in cui marketers e media agency opereranno lo switch verso il c.d. RTB, Real Time Bidding. La nuova frontiera dell’adv online sta rivoluzionando il mercato, consentendo di mostrare annunci pubblicitari a un target mirato in tempo reale. Gli inserzionisti acquisteranno le impressions man mano che verranno immesse sul mercato con un sistema di asta avanzato. Pur essendo una tecnica consolidata, il RTB è ancora una tendenza tutta da osservare.

Necessità di personalizzare i messaggi pubblicitari
La pubblicità personalizzata subirà un’accelerazione, così come crescerà lo sviluppo e la diffusione delle app, la geolocalizzazione della pubblicità e la dynamic creative optimization (DCO), ossia la creazione di banner variabili in base ai profili online dei potenziali consumatori, alla loro posizione geografica, al momento della giornata in cui sono online, ai siti che frequentano più assiduamente, ai loro acquisti online e così via.

La disponibilità dei dati consente ai marketers e alle media agency di trasformare la pubblicità generica in un contenuto di marketing rilevante per gli utenti.

Vedremo se questa tendenza continuerà anche nel 2015 e quanto i marketers, in base alla tipologia e alla quantità di prodotti acquistati dagli utenti nonché alle ricerche effettuate, saranno in grado di prevedere l'intento dei consumatori e, quindi, determinare quale annuncio mostrare e quando o quali elementi creativi devono essere ottimizzati all'interno dell'annuncio.

Nel 2014 abbiamo assistito alla nascita di nuove piattaforme, canali e tecnologie che hanno portato grandi cambiamenti nel settore del web marketing ed hanno consacrato l’analisi dei dati come l’ingrediente principale per l’acquisizione, l’interazione e il coinvolgimento dei Clienti.

I protagonisti del 2015 saranno, quindi, i "big data": vedremo se e come i data source verranno integrati per creare contenuti significativi e rilevanti per i Clienti e per permeare e/o modificare in tempo reale le strategie di marketing.

A noi non resta che auguraVi BUON 2015!




Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu